CNA Modena - Menu 
Bando per la valorizzazione dei mestieri artigianali e delle botteghe storiche

Bando per la valorizzazione dei mestieri artigianali e delle botteghe storiche

Il bando ha l’obiettivo di valorizzare e promuovere le attività artigianali e le botteghe storiche aventi valore storico e/o artistico, tali da costituire testimonianza della storia, dell’arte, della cultura e della tradizione manifatturiera e imprenditoriale della regione Emilia-Romagna.

Beneficiari

  • Imprese artigianali appartenenti all’elenco regionale dell’artigianato artistico e tradizionale (sono ammesse alla presentazione delle domande anche le imprese che abbiano fatto richiesta di iscrizione alla Regione entro il 30/09/19)
  • Imprese inserite, alla data di presentazione della domanda, negli elenchi comunali delle botteghe storiche di cui alla L.R. 5/2008

Possono fare domanda imprese artigianali di vari settori come, ad esempio, la produzione di prodotti alimentari tipici, la lavorazione di ceramica stucchi marmi e decori, gli oggetti artistici e tradizionali, i serramenti, gli arredi ed articoli per la casa, la maglieria ed abiti su misura, la lavorazione e confezione in pelle, le riparazioni auto e moto e bici, le imprese di grafica e stampe artistiche, i fotolaboratori, i disegnatori e case editrici (elenco completo in allegato).

Si tratta di un contributo a fondo perduto, in regime de minimis, nella misura del 40% della spesa ammessa (dimensione minima del progetto: 10.000€). Si applicano inoltre le seguenti premialità:

  • + 5% per progetti:
    – con ricaduta positiva sull’occupazione
    – e/o proposti da imprese femminili e/o giovanili
    – e/o con rating di legalit
    – e/o appartenenti ai settori della S3
  • + 5% per progetti di investimento proposti da imprese localizzate in aree montane o in aree 107.3. c.

Contributo max. 25.000,00 Euro

I progetti finanziabili ai sensi del presente bando devono prevedere interventi per la promozione e valorizzazione delle produzioni artigianali artistiche e/o tradizionali nonché il commercio in superfici di vendita caratterizzate da un riconosciuto valore storico, in grado di incidere sull’attrattività turistica dei luoghi, considerati attrattori culturali ed ambientali della regione. A titolo esemplificativo:

  1. Interventi per la riqualificazione estetica e funzionale del laboratorio/punto vendita, compreso l’ampliamento dei locali e le insegne;
  2. Creazione e allestimento di spazi dedicati a rendere visibile la produzione artigianale, sia attraverso la partecipazione diretta al processo produttivo che attraverso la realizzazione e proiezione di filmati o altre produzioni multimediali;
  3. Investimenti per promuovere ed ampliare il mercato di riferimento anche attraverso l’e-commerce o la creazione e/o implementazione di siti internet;
  4. Ripristino di attrezzatura storica in disuso sia a fini documentali che produttivi (da verificare con regole POR)

Spese ammissibili

  • spese per acquisto e riparazione di macchinari e attrezzature, arredi e beni antichi da destinarsi alla “bottega” o ai laboratori, recupero di macchinari e attrezzature non reperibili sul mercato;
  • spese per la promozione aziendale compresa la progettazione e la diffusione di depliant, locandine, cartellonistica, manifesti, cataloghi strettamente connesse al progetto e per la partecipazione a fiere/mercati o allestimento di mostre, riferite al solo costo per l’acquisto degli spazi e allestimento degli stand (sono escluse le spese di viaggio, vitto, alloggio, hostess) (max € 5.000,00);
  • spese per opere murarie e accessorie relative alla ristrutturazione, ampliamento ed ammodernamento della sede operativa (sale/spazi espositivi per la vendita diretta e/o l’esposizione di prodotti) (max € 8.000,00);
  • spese per beni immateriali: la realizzazione di siti internet e loro aggiornamento; progetti riferiti al commercio elettronico; programmi informatici e servizi per le tecnologie di informazione e della telecomunicazione, realizzazione di show rooms virtuali, marchi e brevetti, banche dati, know how e licenze d’uso concernenti nuove tecnologie di processo o di prodotto;
  • spese per l’acquisizione di servizi e consulenze specializzate, riconosciute nella misura massima del 15% delle spese di cui alle lettere a+b+c+d relative a titolo esemplificativo.

Ammissibilità della spesa dal 01/01/2020 al 31/12/2020.

Sarà possibile presentare domanda dal 15/10/2019 al 30/11/2019. Chiusura anticipata al raggiungimento di 150 domande, salvo riapertura della finestra in caso di non esaurimento delle risorse.

Per maggiori informazioni è possibile contattare:
La propria sede CNA di riferimento
Finimpresa – tel. 059251760 – info@finimpresa.it
Daniele Tanferri, responsabile CNA Artistico e Tradizionale – tel. 059 418548 – dtanferri@mo.cna.it

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.

CNA Modena - Via F. Malavolti, 27 - 41122 Modena (MO)
Tel 059.418111 - Fax 059.418199 - C.F. 80008070361
info@mo.cna.it - cnaassociazionemodena@cert.cna.it
Privacy Policy
Informativa utilizzo cookies

Powered by
SIXTEMA spa