Si rivolge a numerose imprese (agricole, manifatturiere, del commercio oltre che alberghi e ristoranti) di 18 comuni dell’Appennino modenese il bando della Provincia di Modena che finanzia progetti di investimento, innovazione e riqualificazione.

L’agevolazione sostiene numerose tipologie di spesa, come quelle di acquisizione e miglioramento dei beni immobili, poi l’acquisito di macchinari, software oltre che una percentuale dei costi generali connessi all’investimento.

La Provincia di Modena ha organizzato un webinar di presentazione del bando per le imprese mercoledì 17 novembre alle ore 17.00. Clicca qui per partecipare.

Caratteristiche

Gli interventi devono essere realizzati in un’unità produttiva localizzata in uno dei seguenti comuni: Fanano, Fiumalbo, Frassinoro, Guiglia, Lama Mocogno, Marano sul Panaro, Montecreto, Montefiorino, Montese, Palagano, Pavullo nel Frignano, Pievepelago, Polinago, Prignano sulla Secchia, Riolunato, Serramazzoni, Sestola, Zocca.

 

Beneficiari

Piccole e Medie Imprese, appartenenti ai codici ISTAT ATECO riportati in questo allegato che dispongono di almeno tre bilanci approvati o che hanno presentato almeno tre dichiarazioni dei redditi (in caso di imprese individuali e società di persone).

 

Progetti ammissibili

Sono ammissibili gli interventi imprenditoriali che prevedono la realizzazione di una delle seguenti quattro tipologie di progetto:

  • Progetti di investimento;
  • Progetti di innovazione;
  • Progetti di investimento nel settore della produzione agricola primaria;
  • Progetti di investimento nel settore della trasformazione e della commercializzazione di prodotti agricoli.

 

Progetti di investimento

PROGETTI DI INVESTIMENTO Progetti che prevedono la realizzazione di investimenti diretti ad aumentare il livello di efficienza  e/o flessibilità nello svolgimento dell’attività imprenditoriale mediante l’utilizzo di tecnologie digitali.
CARATTERISTICHE Il progetto deve:
  • Prevedere la realizzazione di una nuova unità produttiva;
  • Prevedere un ampliamento di un’unità produttiva esistente mediante la diversificazione della produzione con nuovi prodotti o con il cambiamento del processo produttivo;
  • Prevedere un importo di spese non inferiore a 100.000 euro per le attività economiche agrolimentari del settore manifatturiero e 50.000 euro per tutti gli altri settori(commercio, turismo e cultura, ristorazione);
  • Essere avviato successivamente alla presentazione della domanda e ultimati entro 48 mesi dalla data di assegnazione dei contributi.
COSTI AMMISSIBILI
  • Opere murarie e assimilate, comprese quelle di ristrutturazione dell’unità produttiva (al max 30% dell’investimento totale);
  • Macchinari, impianti e attrezzature necessari all’attività oggetto dell’iniziativa;
  • Programmi informatici e licenze.

I costi devono:

  • Essere riferiti a beni ammortizzabili e capitalizzati che figurano nell’attivo dello stato patrimoniale del beneficiario e mantengono la loro funzionalità per almeno 3 anni dall’erogazione delle agevolazioni;
  • Se riferiti a progetti diretti alla diversificazione della produzione, superare del 200% il valore contabile degli attivi che vengono riutilizzati (dato risultante dall’esercizio finanziario precedente l’avvio dell’investimento).
IMPORTO DEL CONTRIBUTO Il contributo massimo concedibile è di:
  • 200.000 euro per singola impresa e progetto relativo alle attività economiche agroalimentari del settore manifatturiero;
  • 100.000 euro per il settore del commercio, turismo e cultura, ristorazione.

 

Progetti di innovazione

PROGETTI DI INNOVAZIONE Progetti che prevedono un’innovazione di processo e/o un’innovazione dell’organizzazione basati sull’utilizzo di tecnologie digitali.
CARATTERISTICHE Il progetto deve:
  • Prevedere un importo di spese non inferiore a 100.000 euro per le attività economiche agroalimentari del settore manifatturiero e 50.000 euro per tutti gli altri settori (commercio, turismo e cultura, ristorazione);
  • Essere avviato successivamente alla presentazione della domanda e ultimati entro 48 mesi dalla data di assegnazione dei contributi.
COSTI AMMISSIBILI
  • Spese di personale;
  • Costi relativi a strumentazione e attrezzature utilizzate nel progetto, nel limite delle quote di ammortamento ordinario;
  • Costi relativi alla ricerca contrattuale, delle competenze e dei brevetti acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne alle normali condizioni di mercato;
  • Spese generali supplementari e altri costi di esercizio, compresi costi di materiali, forniture e prodotti analoghi, imputabili al progetto.
IMPORTO DEL CONTRIBUTO Il contributo massimo concedibile è di:
  • 200.000 euro per singola impresa e progetto relativo alle attività economiche agroalimentari del settore manifatturiero;
  • 100.000 euro per il settore del commercio, turismo e cultura, ristorazione.

 

Progetti di investimento nel settore della produzione agricola primaria

PROGETTI DI INVESTIMENTO NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA PRIMARIA  Progetti che perseguono l’obiettivo del miglioramento del rendimento e della sostenibilità globali dell’azienda agricola, mediante una riduzione dei costi di produzione o il miglioramento e la riconversione della produzione, realizzati mediante l’utilizzo di tecnologie digitali.
CARATTERISTICHE Il progetto deve:
  • Essere realizzato da un’impresa agricola attiva nel settore della produzione agricola primaria (prodotti del suolo e dell’allevamento, senza interventi volti a modificare la naturali di tali prodotti);
  • Prevedere un importo di spese non inferiore a 50.000 euro;
  • Essere avviato successivamente alla presentazione della domanda e ultimato entro 48 mesi dalla data di assegnazione dei contributi;
  • Essere conforme alle legislazione europea e nazionale in materia di tutela ambientale (se l’investimento richiede una valutazione dell’impatto ambientale ai sensi della direttiva 2011/92/UE, gli aiuti sono concessi a condizione che il progetto abbia ottenuto l’autorizzazione).
COSTI AMMISSIBILI
  • Costruzione, acquisizione o miglioramento di beni immobili, suolo aziendale (fino al 10% max dei costi totali) e sue sistemazioni;
  • Acquisto di macchinari e attrezzature (fino ad un max del loro valore di mercato);
  • Acquisizione  o sviluppo di programmi informatici e acquisizione di brevetti, licenze, diritti d’autore e marchi commerciali;
  • Costi generali, collegati alle spese di cui ai primi due punti, nel limiti del 12% delle stesse, come onorari di architetti, ingegneri e consulenti, onorari per consulenze sulla sostenibilità ambientale ed economica, brevetti, compresi gli studi di fattibilità.
IMPORTO DEL CONTRIBUTO Il contributo massimo concedibile è di 100.000 euro per singola impresa e singolo progetto di investimento.

 

Progetti di investimento nel settore della trasformazione e della commercializzazione di prodotti agricoli

PROGETTI DI INVESTIMENTO NEL SETTORE DELLA TRASFORMAZIONE E DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DI PRODOTTI AGRICOLI  Progetti inerenti alla trasformazione di prodotti agricoli o alla commercializzazione di prodotti agricoli diretti ad aumentare il livello di efficienza e/o flessibilità nello svolgimento dell’attività economica dell’impresa richiedente mediante l’utilizzo di tecnologie digitali.
CARATTERISTICHE Il progetto deve:
  • Essere realizzato da imprese agricole attive nel settore della produzione agricola primaria, nonché da imprese attive nel settore della trasformazione di prodotti agricoli e della loro commercializzazione;
  • Prevedere un importo di spese non inferiore a 50.000 euro;
  • Essere avviato successivamente alla presentazione della domanda e ultimati entro 48 mesi dalla data di assegnazione dei contributi;
  • Essere conforme alle lesiglazione europea e nazionale in materia di tutela ambientale (se l’investimento richiede una valutazione dell’impatto ambientale ai sensi della direttiva 2011/92/UE, gli aiuti sono concessi a condizione che il progetto abbia ottenuto l’autorizzazione).
COSTI AMMISSIBILI
  • Costruzione, acquisizione o migliroamento di beni immobili, suolo aziendale (fino al 10% max dei costi totali) e sue sistemazioni;
  • Acquisto di macchinari e attrezzature (fino ad un max del loro valore di mercato);
  • Acquisizione  o sviluppo di programmi informatici e acquisizione di brevetti, licenze, diritti d’autore e marchi commerciali;
  • Costi generali, collegati alle spese di cui ai primi due punti, nel limiti del 12% delle stesse, come onorari di architetti, ingegneri e consulenti, onorari per consulenze sulla sostenibilità ambientale ed economica, brevetti, compresi gli studi di fattibilità.
IMPORTO DEL CONTRIBUTO Il contributo massimo concedibile è di 100.000 euro per singola impresa e singolo progetto di investimento.

 

Modalità e termini di presentazione delle domande

Le domande dovranno essere inviate a partire dalle ore 12.00 del 29 novembre 2021 e fino alle ore 12.00 del 6 dicembre 2021 e saranno valutate secondo l’ordine cronologico di invio.

 

Maggiori informazioni

Finimpresa
Tel. 059/251760 | info@finimpresa.it