CNA Modena - Menu 
Sisma 2012, 35 milioni di euro per la riqualificazione e per le nuove attività

Sisma 2012, 35 milioni di euro per la riqualificazione e per le nuove attività

Sarà pubblicato ufficialmente nei prossimi giorni il bando regionale, sollecitato da CNA, per la rivitalizzazione dei centri storici nei comuni più colpiti dal sisma del 2012, uno stanziamento di 35 milioni di euro a fondo perduto per le piccole imprese e i professionisti che si insediano nei centri storici e nelle frazioni, e per la riqualificazione di attività operanti in questi luoghi.

I comuni coinvolti, nella nostra provincia, sono quelli di Bastiglia, Bomporto, Camposanto, Carpi, Cavezzo, Concordia sulla Secchia, Finale Emilia, Medolla, Mirandola, Novi di Modena, Ravarino, San Felice, San Possidonio, San Prospero, Soliera, oltre ad amministrazioni del reggiano (Fabbrico, Guastalla, Luzzara, Reggiolo, Rolo), del bolognese (Crevalcore, Galliera, Pieve di Cento, San Giovanni in Persiceto) e del ferrarese (Bondeno, Cento, Ferrara, Mirabello-Sant’Agostino, Poggio Renatico, Vigarano Mainarda).

Sulla base delle prime indiscrezioni, il contributo, come si è detto a fondo perduto, sarà pari al 70% della spesa ammessa, ma potrà arrivare all’80% se l’attività economica o professionale (sia nuova che da riqualificare) è caratterizzata da presenza femminile e/o giovanile. La soglia minima di spesa per usufruire del contributo è di 10.000 euro, mentre l’importo massimo del finanziamento è di 150.000 euro.

I beneficiari sono le PMI, le associazioni e le fondazioni no profit, i liberi professionistici (di qualsiasi tipo, appartenenti o no agli ordini).
Le spese ammissibili sono diverse: si va da quelle edili ed impiantistiche strettamente connesse all’attività, all’acquisto di attrezzature e mobili, macchinari e beni strumentali, hardware e software, i costi per la realizzazione di siti internet ed e-commerce, l’acquisto e l’allestimento di mezzi elettrici connessi all’attività e, fino a un massimo del 15%, le spese pubblicitarie correlate all’investimento oltre che (sino a un massimo del 10%) le consulenze e la presentazione delle pratiche.

Tre le finestre per la presentazione dei progetti: dal 15 febbraio al 28 giugno 2019, dal 13 settembre al 29 novembre 2019 e dal 15 gennaio 2020 al 29 maggio 2020.

Il finanziamento è stato fortemente sollecitato da CNA e ne accoglie molte indicazioni. Ad esempio, l’estensione dai centri storici alle frazioni e il coinvolgimento del mondo no profit, che tanto può dare alla rivitalizzazione dei centri storici. Altre nostre richieste (una soglia minima di 5.000 euro, la retrodatazione delle spese ammissibile al maggio 2018, la disponibilità di un contributo in conto interessi a chi acquistasse un negozio/laboratorio) non sono invece state accolte.
La valutazione di questo finanziamento, a cui se ne aggiungeranno altri legati alla ricerca, alle start up e all’innovazione di processo e di prodotto (la cui uscita è programmata per le prossime settimane e di cui vi daremo notizia) rimane comunque positiva, perché accoglie gran parte delle nostre richieste e va nella direzione di ricostruire quel bene intangibile, ma preziosissimo, che è la comunità dei centri colpiti dal sisma.

Tutte le sedi dei comuni coinvolti sono a disposizione per le informazioni del caso e per la presentazione delle pratiche. Per maggiori informazioni contattare Armando Cassanelli, tel. 059 418576 – acassanelli@mo.cna.it

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.

CNA Modena - Via F. Malavolti, 27 - 41122 Modena (MO)
Tel 059.418111 - Fax 059.418199 - C.F. 80008070361
info@mo.cna.it - cnaassociazionemodena@cert.cna.it
Privacy Policy
Informativa utilizzo cookies

Powered by
SIXTEMA spa