L’Accordo Stato Regioni del 22 febbraio 2012 ha individuato le attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione di tutti gli operatori, nonché le modalità per il loro riconoscimento.

Si ricorda che entro il termine del 12 marzo 2015 deve essere effettuato l’aggiornamento previsto per il riconoscimento della formazione pregressa alla data di entrata in vigore dell’Accordo (12 marzo 2013). L’Accordo infatti riconosce il valore della formazione pregressa (corso sulle attrezzature con relativo attestato), a condizione che sia integrata da apposito corso di aggiornamento entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore dell’accordo.

Le attrezzature individuate dall’accordo sono le seguenti e coinvolgono tutte le tipologie di attività che le utilizzano:

  • Piattaforme di lavoro mobili elevabili;
  • Gru a torre;
  • Gru mobile;
  • Gru per autocarro;
  • Carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo (a braccio telescopico, industriali semoventi, sollevatori/elevatori semoventi telescopici rotativi), tra cui, quindi, anche i cosiddetti “muletti”;
  • Trattori agricoli o forestali;
  • Macchine movimento terra (escavatori idraulici, a fune, pale caricatrici frontali, terne, autoribaltabile a cingoli);
  • Pompe per calcestruzzo.

Ricordiamo che in caso di mancato aggiornamento, entro il 12 marzo 2015, gli operatori delle indicate attrezzature dovranno essere sospesi dalla mansione ed effettuare il corso abilitante previsto dall’accordo ex novo. Il corso di aggiornamento da effettuarsi deve avere una durata minima di 4 ore.
Riteniamo utile evidenziare che questa abilitazione deve essere posseduta da tutti gli operatori che utilizzano le attrezzature sopra elencate, compresi i soggetti individuati dall’art. 21 comma 1 del D.Lgs. 81/2008 (componenti impresa familiare, lavoratori autonomi, artigiani e piccoli commercianti).

Per maggiori informazioni è possibile contattare Federico Santangelo, al numero 059/7409020, oppure tramite email asq.formazione@mo.cna.it.