L’INL (Ispettorato Nazionale Lavoro) ha disposto l’attivazione di una campagna straordinaria di vigilanza in edilizia per l’ultimo quadrimestre del 2021.

In particolare, le verifiche, che dovranno concludersi entro il 31 dicembre 2021, saranno indirizzate sia verso le realtà produttive oggetto di fondate segnalazioni/richieste d’intervento, sia verso obiettivi individuati mediante attività di controllo preventivo del territorio e di intelligence (analisi di rischio ricavabili dall’elaborazione dei dati contenuti nelle notifiche preliminari quali natura dell’opera, importo lavori, numero presunto di lavoratori presenti, autonomi), nonché dallo scambio di dati e informazioni con le Casse Edili.

Nella selezione degli obiettivi da controllare, gli organi ispettivi dovranno tenere conto dei precedenti ispettivi e dei seguenti ulteriori criteri:

  • verifica di aziende mai sottoposte a controllo o con accertamenti risalenti e/o per le quali risultino gravi ovvero reiterate irregolarità;
  • aziende inattive, con ripresa dell’attività a ridosso del periodo di vigenza dei bonus anno 2021 relativi all’edilizia, comunque denominati;
  • aziende interessate dall’istituto del distacco transnazionale;
  • imprese in rete che operano nel settore;
  • aziende caratterizzate dalla maggiore probabilità di rischio infortunistico connesso alla rotazione del personale impiegato;
  • cantieri che prevedono la compresenza di più imprese.

In merito all’oggetto dei controlli, l’INL ha ribadito che, come di consueto, dovranno riguardare:

  • le condizioni di salute e sicurezza, il rispetto dei protocolli anti-contagio e la veridicità, effettività e adeguatezza dei percorsi formativi e della relativa attestazione;
  • la corretta instaurazione e gestione dei rapporti di lavoro, con particolare riguardo all’applicazione del contratto collettivo dell’edilizia per le imprese operanti nel settore, ai connessi obblighi di iscrizione alla Cassa Edile, ai falsi part time, alla verifica della genuinità delle posizioni artigiane e dei frequenti sotto inquadramenti dei lavoratori;
  • la gestione e regolarità dei distacchi e delle ipotesi di codatorialità, degli appalti e dei subappalti, con particolare attenzione alle sempre più diffuse forme di esternalizzazione (per approfondimenti nel merito si rimanda alla consultazione della guida sugli appalti privati).

 

Per maggiori informazioni:
Daniele Tanferri
Responsabile CNA Costruzioni
Tel. 059 418548 | dtanferri@mo.cna.it