Al centro del confronto i carburanti alternativi

Nei giorni scorsi Francesco Abate e Franco Spaggiari – rispettivamente presidente e segretario di FITA, l’associazione degli autotrasportatori di CNA Modena – hanno incontrato a Roma l’onorevole Carmela Grippa, membro della commissione permanente dei trasporti.

Un confronto che si è sviluppato attorno al tema della questione carburanti, non tanto per valutare gli interventi sulle accise e sui ristori, quanto per un’analisi di medio periodo, indirizzata ad individuare azioni strutturali e non temporanee.

“Oltre all’entità dei costi – ha rilevato in proposito Abate – il problema per gli operatori è anche la volatilità dei prezzi, che non consente una pianificazione finanziaria efficiente, né agli autotrasportatori, né ai committenti, entrambi in balia delle alle oscillazioni dei mercati e delle manovre speculative”.

Una soluzione in questo senso potrebbe essere rappresentata dai carburanti alternativi, in particolare da quelli di origine sintetica come l’e-fuel, inadatto per le auto, ma utilizzabile dai mezzi pesanti. “Questo combustibile – non presenta particolari problemi di produzione, stoccaggio e distribuzione, potendosi avvalere della rete esistente, e rappresentare uno strumento che può contribuire all’autonomia energetica del nostro Paese”.

Una proposta per la quale Carmela Grippa ha manifestato il proprio interesse promettendo di portare questa opportunità all’attenzione del proprio gruppo parlamentare, il Movimento 5 Stelle.

Oltre al caro-carburante, nel corso dell’incontro sono state affrontate altre problematiche che vanno da una logistica più snella e funzionale ad infrastrutture in grado di rendere meno impattante a livello ambientale la movimentazione su gomma delle merci, più ore di pratica nell’ambito della formazione e aggiornamento per il conseguimento della CQC ed in generale gli interventi necessari a ridare dignità alla professione dell’autotrasportatore.