CNA Modena - Menu 

CNA Education

Benvenuti nella sezione dedicata ai rapporti tra CNA Modena ed il mondo della scuola, uno spazio che racconta le collaborazioni che l’Associazione intrattiene da diversi anni con le Scuole Secondarie di Primo e di Secondo grado della Provincia di Modena.

CNA Education

News

L'attività

Sono diverse le ragioni per le quali CNA vanta un rapporto consolidato con le scuole modenesi:

  • Essere partner attivi con la scuola nei progetti di Alternanza scuola lavoro;
  • Far conoscere le nostre imprese agli studenti;
  • Facilitare il passaggio scuola lavoro;
  • Far si che le nostre imprese possano conoscere giovani collaboratori ed intercettarli;
  • Essere presenti nei CTS, Comitati Tecnici Scientifici istituiti dalle Scuole;
  • Cercare di incidere sugli indirizzi scolastici e sul programma utilizzando la flessibilità e l’autonomia scolastica per fare in modo che meglio rispondano alle esigenze del territorio;
  • Prevedere azioni per far capire l’importanza dell’istruzione tecnica e la ricettività da parte del territorio e delle imprese.

Si tratta di un’attività che si sviluppa in molti modi:

1) Affiancamento agli Organi scolastici e CTS per individuare di concerto con scuola e imprese, le specializzazioni maggiormente richieste dal mercato del lavoro e quindi intervenire, per quanto possibile, nella strutturazione dei contenuti dei piani di studi presenti negli Istituti, nonché affiancare i progetti di alternanza scuola-lavoro.

2) Orientamento in ingresso: è quell’attività che vede la presenza di consulenti CNA e imprenditori del settore presenti sul territorio durante le giornate di Scuole Aperte realizzate dagli Istituti superiori o in appositi incontri organizzati dagli enti locali per poter spiegare a genitori ed alunni di terza media le richieste professionali avanzate dal territorio.

3) Orientamento presso le scuole medie: docenze tenute da Consulenti CNA e/o imprenditori per spiegare ai ragazzi frequentanti la 2^ e 3^ media (spesso prima ancora che essi si rechino in visita preso gli istituti superiori) l’economia del territorio e le richieste che esso avanza. Ciò per cercare di orientare gli studenti prima ancora che essi decidano l’Istituto da frequentare.

4) Orientamento in uscita: si tratta di un percorso che rende consapevoli gli studenti di cosa li attenderà una volta terminata la scuola, se vorranno entrare nel mondo del lavoro, solitamente effettuato nelle classi frequentanti la 5^ superiore.
Si possono prevedere docenze relative alla ricerca attiva del lavoro (come predisporre un cv, come affrontare un colloquio anche attraverso vere e proprie simulazioni, quali canali utilizzare per cercare offerte di lavoro, come saper leggere una lettera di assunzione e di una busta paga. Far comprendere i principali contratti di lavoro che vengono offerti ai giovani.

5) Docenze su vari argomenti concordati con la scuola: quest’attività è programmata solitamente all’inizio dell’anno scolastico con le scuole.

Alcuni degli argomenti trattati:

  • la sicurezza nei luoghi di lavoro,
  • l’economia del territorio,
  • lezioni di fisco e giustizia per aiutare i ragazzi ad essere più consapevoli ed a gestire eventuali piccole contestazioni,
  • i modelli organizzativi e la 231,
  • la certificazione della qualità e le norme uni:eni iso,
  • il business plan e la creazione d’impresa,
  • il conto corrente e la gestione del prospetto a scalare;
  • il 730 con possibilità di un periodo di stage presso le nostre sedi (etc…)

6) Docenze specifiche svolte nei laboratori attrezzati all’interno degli Istituti: queste docenze possono prevedere il coinvolgimento diretto di imprenditori associati.

7) Incontri con ordini professionali e imprenditori: sono esperienze che vedono la presenza e la testimonianza di imprenditori con esperienze caratterizzanti l’indirizzo di studi. L’obbiettivo è trasferire l’esperienza maturata dagli associati e far comprendere ai ragazzi le competenze maggiormente richieste dal settore di riferimento. Ad esempio si è collaborato con il Collegio dei Periti e dei Laureati di Modena che hanno presentato in varie classi il proprio ordine e gli sbocchi professionali del settore di riferimento.

8) Progetti Alternanza Scuola – Lavoro: le imprese di CNA sono impegnate in diversi progetti innovativi e sperimentali con il mondo della scuola per citarne alcuni: Progetto Retrofit (azienda Ferrari e Zagni),a febbraio 2014 è iniziata la formazione di docenti ed alcuni tecnici TEXA SPA che coinvolgeranno a loro volta diversi alunni ai quali verrà illustrato e approfondito, le DINAMICHE dei VEICOLI ELETTRICI, IBRIDI e in particolar modo il progetto RETROFIT. Moda collaborazione tra imprese e scuola per realizzare i capi oggetto di sfilate con la possibilità di avere a disposizione oggetti di artigianato prestigiosi come accessori => cappelli borse e gioielli. Progetto lotta alla contraffazione. Un progetto per sensibilizzare i ragazzi alla contraffazione (etc…).

9) Stage: collaborazione nel reperimento delle imprese per svolgere i periodi di stage.

10) Aziende Aperte: organizzare visite aziendali rivolte sia agli studenti della 3^ media (per favorire la scelta del percorso di studi) sia agli studenti delle superiori per favorire la conoscenza ed il passaggio dal mondo della scuola al mondo del lavoro.

11) Convegni ed eventi organizzati per far incontrare il mondo della scuola e quello del lavoro.

CTS

In una situazione economica come quelle attuale, in profonda trasformazione, è indispensabile realizzare un organico collegamento tra istituzioni scolastiche, mondo del lavoro e società civile. E’ importante inoltre correlare l’offerta formativa allo sviluppo culturale, sociale ed economico del territorio, progettando, insieme alla scuola ed alle imprese una formazione in linea con le richieste del mercato del lavoro. Il CTS è il luogo in cui scuola e impresa possono instaurare un rapporto organico di collaborazione ed introdurre nel sistema di istruzione opportunità di confronto e innovazione.

COSA SONO i CTS?

Gli istituti tecnici e professionali (in base all’art. 5, comma 3 punto d) ed e) dei Regolamenti del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca dell’articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133. per il riordino rispettivamente degli Istituti Tecnici e Professionali) possono dotarsi di un Comitato Tecnico Scientifico (CTS) composto da docenti e da esperti del mondo del lavoro, delle professioni e della ricerca scientifica e tecnologica.

PERCHÉ?

  • Il CTS può favorire l’innovazione dell’organizzazione degli Istituti Tecnici e Professionali;
  • è un organismo con funzioni consultive e propositive per l’organizzazione delle aree di indirizzo e l’utilizzazione degli spazi di autonomia e flessibilità;
  • è lo strumento per consolidare i rapporti della scuola con il mondo del lavoro e delle professioni e sviluppare le alleanze formative.

Per questo CNA è in prima linea nell’affiancare gli Istituti Tecnici e Professionali nella formazione e gestione dei CTS ed è presente al loro interno con i propri imprenditori e funzionari.

Archivio News

CNA Modena - Via F. Malavolti, 27 - 41122 Modena (MO)
Tel 059.418111 - Fax 059.418199 - C.F. 80008070361
info@mo.cna.it - cnaassociazionemodena@cert.cna.it
Privacy Policy
Informativa utilizzo cookies

Powered by
SIXTEMA spa